Dicembre 2, 2022

Il trading online può essere un modo assai veloce e profittevole per ottenere dei buoni guadagni ma allo stesso tempo può rivelarsi anche alquanto rischioso per chi lo pratica, ciò implica quindi per chi si affida a questo tipo di metodologia che abbia una grande esperienza e conoscenza dei mercati in cui intende operare. In questi ultimi anni, è andata sempre più affermandosi tra i trader una nuova forma di operatività, che impiega una particolare tecnica di trading in grado di poter far guadagnare in modo molto veloce sia professionisti che anche semplici principianti. Di cosa stiamo parlando? dello scalping naturalmente, questa particolare tecnica associata al trading  consiste nell’aprire e chiudere diverse operazioni su asset diversi in un arco di tempo davvero breve, (solo pochi minuti). Attraverso quest’articolo vi guideremo e vi faremo conoscere quindi cos’è lo scalping, come funziona e su quali mercati usare questa preziosa ed utile tecnica di trading, informandovi inoltre sui vantaggi ed i rischi che comporta nell’usarla. 

Su Plus500, l’uso dello Scalping è vietato.

Cos’è lo Scalping

Lo scalping viene utilizzato sia dai trader esperti sia dai principianti, di solito per aprire e chiudere una determinata posizione su uno specifico strumento finanziario in un lasso di tempo molto breve. Questa pratica, a seconda del soggetto che la utilizza può essere applicata per solo pochi minuti fino anche a qualche ora. Utilizzare lo scalping, significa, sfruttare tutte quelle piccole variazioni di prezzo di quell’asset su cui si è scelto di puntare per incamerare un eventuale profitto in tempi decisamente brevi

Gli scalper, ossia coloro che utilizzano la tecnica dello scalping, scelgono sostanzialmente di effettuare operazioni solo in intraday effettuando transazioni e sfruttando ogni più piccola oscillazione di prezzo dello strumento trattato. La differenza principale tra lo scalping e l’intraday consiste sostanzialmente nella durata molto più breve che si ha nell’aprire e chiudere la posizione, che nello scalping come abbiamo già accennato può durare anche solo pochissimi minuti. 

Come Funziona

La tecnica dello scalping viene usata dai trader in particolare su tutti quegli strumenti denominati CFD, ossia su quei contratti per differenza, proprio per l’elevata volatilità cui questo tipo di strumenti finanziari vanno incontro. Tutto ciò è particolarmente vero e di seguito vedremo quali sono i mercati maggiormente coinvolti  dove è più facile ricorrere a questa particolare forma di trading.

Bisogna anche dire che tutti questi mercati sono caratterizzati da una volatilità estremamente alta, che permette ai trader o scalper che dir si voglia di ottenere profitti da ogni piccola variazione del prezzo dello strumento trattato.

Come abbiamo già avuto modo di scrivere in precedenza, questa particolare tecnica può essere sfruttata anche da chi si è avvicinato da poco al trading in quanto  esula da tutti quei fattori interni ed esterni che influenzano in modo deciso l’analisi del trend di fondo di medio e lungo periodo di un titolo. Questo implica come non sia necessario, quindi essere a conoscenza di tutte quelle notizie finanziarie legate ad un predeterminato titolo ed è sufficiente solo analizzare il trend di quello strumento finanziario facendolo in intervalli di tempo molto brevi. 

Esistono, come vedremo, numerose tecniche di scalping tra cui scegliere, che andremo di seguito ad analizzare, inoltre è importante saper scegliere qual è il momento giusto per operare sui mercati. Usualmente, il momento più opportuno e dove si verifica la maggiore volatilità coinvolge la fascia oraria che va dalle 14 alle 17, ossia quando si aprono le contrattazioni sul mercato americano in concomitanza con le contrattazioni che avvengono nelle borse europee. La maggior parte degli scalper, inoltre, decide di utilizzare la leva finanziaria per massimizzare i profitti anche per le minime somme investite. 

Quando si Usa lo Scalping

Questa cosiddetta tecnica  dello scalping viene utilizzata in particolar modo quando il trader cerca di ottenere dei rendimenti anche piccoli ma in modo costante nel tempo. Ecco perché ogni operazione effettuata richiede solo pochi minuti per essere portata a compimento. Gli investitori scelgono di utilizzare questa metodologia  soprattutto quando sono previsti dei segnali di trend molto forti al rialzo o al ribasso nei principali mercati con elevata liquidità. Non c’è bisogno di ripeterlo, ancora una volta, i traders utilizzano lo scalping per effettuare  le operazioni solo nel momento di maggiore volatilità, dei mercati ossia nelle fasi in cui sono aperti sia i mercati americani che quelli europei. 

Come Fare Scalping

Per effettuare lo scalping è innanzitutto necessario utilizzare la piattaforma di un broker affidabile. In questo caso, il primo passo necessario è quindi quello di scegliere tra i tanti operatori sul mercato un broker online che abbia tutte le autorizzazioni da parte dagli enti regolatori europei come CySEC e CONSOB e che offra la possibilità di fare investimenti in mercati dove è più semplice provare la tecnica dello scalping, di cui parleremo più tardi. Bisogna ricordare, altresì che prima di avvicinarsi a questo tipo di investimenti usando questa modalità di trading è opportuno fare  pratica utilizzando un conto demo in questo modo si potrà avere uno spazio sicuro dove mettere alla prova le proprie conoscenze, senza correre rischio alcuno. 

Per poter iniziare ad operare è, poi, di fondamentale importanza conoscere e saper utilizzare i grafici inerenti ad un qualsiasi asset, andando ad impostare intervalli di tempo molto brevi. Bisogna, quindi, consultare diversi indicatori e oscillatori, come le candele Heikin Ashi e il grafico Renko. Questo ovviamente non è tutto, per individuare il trend nel breve periodo si ricorre anche all’utilizzo delle Medie Mobili Esponenziali, o EMA a 16 periodi e l’altra a 32 periodi. Inoltre, i vari trend dei grafici vengono impostati a M1, M5 e M15, con time frame di 1, 5 o 15 minuti. Tutto ciò serve per individuare il trend  di un asset su cui si  va ad aprire una posizione utilizzando molto spesso  la leva finanziaria, che si va a chiudere pochi minuti dopo. 

Su Quali Mercati è Possibile Operare

Diciamo che non su tutti i mercati può essere utilizzata questa tecnica. Di solito, i mercati su cui è possibile fare dello scalping devono possedere delle caratteristiche ben individuabili dall’operatore come ad esempio: un’elevata volatilità. Per questa ragione lo scalping viene effettuato in particolar modo nei mercati di CFD, dunque principalmente sui contratti derivati, sui mercati valutari Forex, e sul mercato degli indici di Borsa. In taluni casi questa tecnica viene utilizzata anche per operare sul mercato delle criptovalute ed in particolare sul Bitcoin.

Strategie di Scalping

Ritornando a ciò che abbiamo già avuto modo di dire, esistono diverse strategie sullo scalping che un trader può mettere in pratica per effettuare le sue strategie. Tra quelle più usate c’è ad esempio:la Doppia Media Mobile che sovrappone due medie da monitorare sul grafico, una veloce ed una lenta. Questo tipo di strategia permette di individuare facilmente i segnali d’acquisto e di vendita in base all’andamento del grafico sulle medie mobili. 

Una seconda strategia  invece è quella dell’uso delle Bande di Bollinger da parte del trader che fornisce un quadro più completo sull’andamento di un titolo nel tempo garantendo una maggiore probabilità di successo. Infine, una terza strategia molto comune ed in voga  è quella dell’utilizzo dei canali di Donchian, con indicatori molto simili alle Bande di Bollinger che aiutano ad individuare le volatilità di quel particolare asset scelto. Per i principianti del trading è, tuttavia, consigliabile ricorrere agli stop loss e ai take profit per contenere eventuali perdite e ottenere il massimo dei profitti. 

I Vantaggi ed i Rischi che si corrono facendo scalping

Lo scalping ha tanti aspetti interessanti che lo contraddistinguono ma presenta comunque anche dei rischi da non sottovalutare. I principali vantaggi da tener presente sono individuabili nella  facilità di investimento e nella possibilità di mantenere sotto controllo il capitale utilizzato. Altro aspetto interessante è la velocità con cui si effettuano le operazioni di compravendita, oltre al fatto che non è assolutamente necessario seguire nessuna notizia proveniente  dal mercato o essere degli esperti nel trading online. Questo tipo di operazione c’è da dire, comporta anche un’elevata pressione psicologica per la velocità con cui bisogna prendere delle decisioni sulle eventuali posizioni da aprire, per cui si corre il rischio di subire delle perdite, seppur contenute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *